make me choose; gotzem asked:
beyoncé or arctic monkeys?

(insp.)

(via emopoiesi)

"…ti puzzano i piedi sai?"

"…ti puzzano i piedi sai?"

(via mostlycatsmostly)

fernfiddlehead:

BLACK ORIGAMI CRANES with copper eyelets - Flock of 5 by FoldYouSo (13.00 GBP) http://ift.tt/1a8sG2d

fernfiddlehead:

BLACK ORIGAMI CRANES with copper eyelets - Flock of 5 by FoldYouSo (13.00 GBP) http://ift.tt/1a8sG2d

(via lovely-geisha)

E’ nel buio che devi guardare, con disobbedienza, ottimismo e avventatezza.

Marguerite Yourcenar  (via cuoredilattice)

(via cuoredilattice)

Non lo disse ad alta voce perché sapeva che a dirle le cose belle non succedono.

Ernest Hemingway, Il vecchio e il mare. (via tripps42)

(via mentealtrove)

Essere morti o essere vivi è la stessa cosa

Pier Paolo Pasolini (via gnumlab)
therainfallshardonahumdrumtown:

Alex Turner’s love letter to Alexa Chung. Cute.

therainfallshardonahumdrumtown:

Alex Turner’s love letter to Alexa Chung. Cute.

(via la-vendetta-di-medea)

Riepilogando

Milano, 12 settembre ore 19.00
Testimonianza diretta di un rapimento di due giorni.

« Uscito da lavoro, due loschi personaggi, uno con capelli rosso fuoco e uno bruno, mi hanno rapito e caricato di forza su una C3.
Volevano che salissi per osmosi ma poi si sono resi conto che era impossibile e mi hanno schiacciato nel bagagliaio insieme alle loro cose.
E mi hanno sgridato.

Erano molto agitati, colpa del traffico quasi inesistente.
Ricordo che dicevano cose come “questo tratto è azzurro…questo giallo…questo è rosso maledizione” io non capivo è stavo zitto.
Mi hanno lanciato dei viveri in un sacchetto.
Io ho mangiato in silenzio mentre loro discutevano su un probabile loro nascondiglio chiamato “STAR”, non ho fatto domande ma ho registrato l’informazione.
Hanno sbagliato il casello autostradale ma vabbuò.

Ad un certo punto ci siamo fermati, mi hanno fatto scendere e, probabilmente per non farmi scappare, mi hanno costretto a portare tutti i bagagli da solo.
Quello coi capelli rossi, ha consegnato un paccotto di banconote al suo compare.
Il prezzo del mio rapimento.
Poi mi ha trascinato, correndo per poco non mi capottavo, all’apertura di un capannone.
Tra zig zag e numerosi metri siamo arrivati in un’angusta stanza con altre persone, lì ci hanno perquisiti.
Della terribile esperienza ricordo solo dei calzini verdi.

Poi altri metri.
Il rapitore ha infine mostrato delle carte a dei brutti ceffi e loro hanno fatto un cenno di assenso.
Abbiamo aspettato 25 minuti circa, eravamo in netto anticipo da quel che ho capito.
Ma vabbuò.

Il rapitore mi fa imbarcare su un aereo, ma ricordo poco.
Sono stato narcotizzato ed ho dormicchiato.

L’atterraggio è stato brusco e mi ha svegliato di soprassalto.
Il mio rapitore mi ha preso in giro.

Scesi ci siamo incontrati con dei suoi “compari”, parlavano una lingua strana.
Facevano cose strane che loro definivano “puccy.
Dopo i loro blablabla siamo andati in un motel colorato, e sono stato stivato in un sottoscala al quinto piano insieme al mio rapitore che mi faceva da guardia.
La finestra dava su un felino rosso magrolino, uno nero cicciotto e una palla da pilates.

La sveglia è suonata troppo presto.
Il mio rapitore e gli amici dovevano incontrarsi per affari.
In giro c’erano contrabbandieri di waffel, di birra, the boys che fa la pipì, di waffel, di patatine, di waffel (alla fine ho scoperto che è una vera organizzazione criminale insieme a quella delle cioccolaterie e delle birrerie, piazzati ad ogni angolo della strada a spacciare la loro merce) e i miei rapitori ci facevano i loro sporchi affari, sopratutto con quello delle birre e patatine.
Abbiam infatti pranzato da un loro rifornitore di fiducia.
Bono.

Poi mi hanno portato nel rifugio di un famoso criminale, un certo Magritte. Interessante devo dire.

Dopodiché salutati i “compari”, il mio rapitore mi ha portato in un prato e mi ha fatto riposare, lì ho finalmente dormicchiato al sole.

La sera abbiamo cenato con i suoi colleghi e abbiam mangiato carbonnedes alla birra e bevuto birra.

Ho visto the dog che fa la pipì.

Al mattino dopo siamo andati in un altro luogo, per altri affari.
Bregge.

Il mio rapitore ha incontrato altri contrabbandieri, quelli dei souvenir.
Altri affari.

C’erano numerose papere in giro ma anche cavalli, tortore, cigni e per finire un felino piuttosto pericoloso dietro uno spesso vetro.

Abbiam girato tutto il luogo grazie al mio spiccato senso dell’orientamento.
Infine magiato zuppa e carbonaddes alla birra, più mousse al cioccolato.
Bona.

Tornati al rifugio colorato, il mio rapitore ha ritirato quel che c’era da ritirare e salutati i suoi amici, mi ha trascinato sul primo mezzo di trasporto dove ha maledetto tre spagnole che erano in ritardo.
Arrivati a destinazione mi ha fatto correre di nuovo e imbarcare, questa volta dopo poco più di 5 minuti di attesa, su un 747.

Dopo un po’, siamo atterrati e prese le sue cose mi ha mollato in stazione.
Il mio rapitore avrà sicuramente la sindrome di Stoccolma inversa. »
Fine del report.

Lunedì.

Lunedì.

(via mostlycatsmostly)

la-dame-de-la-nuit:

Vanina Kovalsky

la-dame-de-la-nuit:

Vanina Kovalsky

(via untouchable-lola)

(via kuramaaaa)

food52:

Slicing won’t be as dicey.
Read more: How to Make Salad in a Stand Mixer on Food52

food52:

Slicing won’t be as dicey.

Read more: How to Make Salad in a Stand Mixer on Food52